TARGA A.C. BOLOGNA
TARGA A.C. BOLOGNA

TARGA A.C. BOLOGNA
17-18 giugno 2017

Allegati evento:

Gara Valida per l'assegnazione del titolo di Campione Italiano Regolarità Autostoriche Acisport 2017.

 

---> VAI AL SITO DELLA GARA

 

---> SCARICA LA SCHEDA D'ICRIZIONE

 

---> SCOPRI IL PERCORSO

 

 

E’ il 1908.

Il significativo apporto del conte Vincenzo Florio, industriale e produttore vinicolo siciliano nonchè armatore (Florio e Rubattino) e l’entusiasmo di alcuni notabili Bolognesi fecero si, che a dispetto delle molte polemiche ed avversioni, sia locali che internazionali oltre ai non pochi problemi di denaro, si potesse organizzare, in quella terra che diverrà in futuro il triangolo dei motori, questa appassionante quanto pionieristica corsa su un circuito stradale che toccava i comuni di Bologna Borgo Panigale, Calderara di Reno, Sala Bolognese, San Giovanni in Persiceto, Sant’Agata Bolognese, Castelfranco Emilia, Anzola Emilia.

Tra il 6 e il 7 settembre si tengono due corse organizzate dal giovane Automobile Club bolognese: la Coppa Florio e la Targa Bologna.

La rete viaria interessata dalla corsa è ristrutturata per l'occasione, compreso il raddoppio della strada di Borgo Panigale e un ponte sul Lavino.

Questo percorso di forma trapezoidale era da percorrere dieci volte per le vetture Gran Prix per un totale di 528 Km. c.a e otto volte dalle Gran Turismo per 442 Km. c.a.
Superato l’ultimo ostacolo, grazie all’energico intervento del sen. G. Agnelli, costituito dal Gran Prix delle Ardenne organizzato appositamente nella stessa data della corsa emiliana, per oscurarla e boicottarla, tutto fu pronto per il via.

Notevole fu l’apporto organizzativo del Resto del Carlino che con interviste e pubblicazione di foto e disegni, vide nell’evento il mezzo per consolidare la propria presenza sul territorio e grande fu l’entusiasmo dei Comuni interessati al passaggio della corsa che si adoperarono con ogni mezzo, per rendere sicuri ed agevoli i passaggi e gli attraversamenti dei centri abitati delle macchine da corsa.

Negli anni seguenti il Circuito di Bologna – Targa Bologna, anche a causa della Prima Guerra Mondiale e dei suoi effetti, è stato organizzato solo per alcuni anni e fino alla fine degli anni venti, su un nuovo percorso cittadino nella zona dei Giardini Margherita.