News Regolink

BARCELLA-GHIDOTTI DOMINANO A BIELLA


Stampa

Biella ha ospitato la penultima prova del Campionato Italiano Regolarità Autostoriche 2018. La gara, come da consuetudine, si è sviluppata su due giorni di gara e con l'ormai consueto alto livello organizzativo.

La sesta edizione della Valli Biellesi – Trofeo Oasi Zegna, ha visto al via 58 equipaggi pronti che si sono sfidati lungo i 318 chilometri di percorso cadenzati da ben 98 prove cronometrate in programma.

Nulla ha potuto fermare la cavalcata vincente dei bergamaschi Barcella-Ghidotti che, a bordo della loro Porsche 356 C Coupè del 1963, hanno tenuto un ritmo insostenibile per il resto del gruppo.

Chiudono il podio due equipaggi a bordo di Autobianchi A112: Zanasi – Perno del Classic Team e, con 48 penalità di distacco, Boracco – Bossi vincitori assoluti a Lumezzane.

Nella Top Car il podio è occupato dai primi due equipaggi della classifica assoluta e, in terza posizione, da Rapisarda – Piga su Fiat 124 Spider con i colori della Scuderia Nettuno.

 

Scuderia Nettuno che si aggiudica anche la classifica Scuderie.

Il team bolognese allunga sul Classic Team, con l'ultima gara della stagione che sarà decisiva per la conquista del secondo posto in campionato.

 

Nella classifica femminile successo dell'equipaggio Scarioni – Vagliani su Austin Mini Hle. Staccate di 110 penalità , si piazzano Angino-Biagi che, reduci da una settimana difficile, abbandonano ogni velleità di campionato.

 

Alberto Sacco, navigato da Renato Bonesio, porta la sua Fiat 110 103 sul gradino più alto del podio del secondo raggruppamento.

Alle spalle del driver milanese si piazzano i sardi Virdis-GIordo con la loro Porsche 356 Speedster.

Un'altra Fiat 1100 caratterizza il podio del raggruppamento due: è quella di Alderighi- Della Croce in gara con i colori della Scuderia Kinzica.

Nel terzo raggruppamento Moreno Arzoni non ha avuto avversari. Il pilota della scuderia 3t di Cremona, a bordo di una Volvo 142 Amazon ha chiuso con 779 penalità.

Secondo posto per Zucchi-Fantini su Mercedes 190 L che precedono il padrone di casa Paolo Zegna, navigato da Paolo Ciscato su Porsche Carrera Speedster.

Nel raggruppamento quattro, dietro al vincitore Barcella, si piazzano Guggiana-Parisi, su MG B roadster del 1963 Franciacorta Motori.

Chiudono il podio con 469 penalità di distacco i varesini Magnoni Maurizio e Marisa Vanoni su Porsche 356.

Il Quinto raggruppamento vede il successo di Roberto Crugnola e Costante Giona su Peugeot 204 del 1968. I forte driver varesino ,all'esordio sulla vettura del Team Classic Lions, dopo qualche errore di troppo nella prima tappa ha chiuso in crescendo la seconda parte di gara.

Al secondo posto si classificano Salviato-Moglia, su Fiat 128 Rally del Classic Team.

Bilanceri- Simeoni chiudono terzi sulla consueta Alfa Romeo GTV Scuderia Nettuno Bologna.

Rapisarda-Piga primeggiano nel raggruppamento sei. Alle loro spalle si piazzano Rimondi- Fava su Innocenti Mini Cooper. Al terzo posto , su vettura gemella, Roberto e Francesca Miatto portacolori della scuderia Padova Autostoriche.

Dietro a Zanasi, secondo posto nel settimo raggruppamento per Massimo Dalleolle e Marco Magnani e la loro Autobianche A112 Abarth. Chiude il podio di raggruppamento Barbara Zazzeri al volante della fida Renault 5 Alpine.

Nell'ottavo raggruppamento, alle spalle del vincitore Boracco, si classifica Claudio Lastri su Alfa Romeo Giulietta – Scuderia Kinzica. Terzi i compagni di squadra Bacci-Sacco su Autobianchi A112 Abarth.

Raggruppamento nove conquistato ancora una volta da Andrea Malucelli e Moncia Bernuzzi.

Dietro all'equipaggio della Fiat Duna Michele Mora su Peugeot 205 GTI regola Andrea Palumbo su Fiat 127.

Ultima prova di campionato in programma come di consueto a Cremona con l'edizione 2018 del Campagne e Cascine.