News Regolink

COPPA DELLA COLLINA SHOCK!! : ULTIMA EDIZIONE?


Stampa

La Coppa della Collina 2017, che ha visto il successo di Mario Passanante davanti a Nino Margiotta e Gianluca Cappella rischia seriamente di essere ricordata come l'ultima edizione della storia, o perlomeno l'ultima condotta da Alfredo Lippi.

L'amarezza già esposta durante la cerimonia di premiazione è stata ribadita oggi con un comunicato stampa in cui l'organizzatore pistoiese esprime tutto il proprio sconforto " quando metti l’anima in qualcosa in cui credi e che ti appassiona, cercando di fare una manifestazione piacevole, con il giusto spirito agonistico, pensata anche per condividere una bella giornata insieme a “veri” amici, e poi ti accorgi che non è così..."

 

Ieri nel concitato post gara caratterizzato, come accade ormai troppo spesso, da interminabili discussioni e reclami con contestazioni sui tempi rilevati dai cronometristi e su quanto riportato sul road book, sono volati gli insulti.

 

A scatenare la polemica la prova nr. 40, dove 12 equipaggi (sui 69 rimasti in gara in quel momento) hanno mal interpretato quanto riportato sul roadbook, arrivando in ritardo sul pressostato di fine prova accumulando 300 penalità. Scorrendo la documentazione FICR spiccano, tra coloro che hanno acquisito forti ritardi, i nomi di Bonfante, Mazzella, Fanti, Acciarino, Massara, Nigro, Converso, Galavotti, Biasci, Checchi, Gherardi, La Mura).

Non è ancora chiaro chi tra questi concorrenti abbia presentato reclamo per l'ipotetica mancanza di un vignetta tra  l'inizio e la fine della PC 40 che doveva indicare una svolta a sx dopo essere transitati sul pressostato d'apertura della PC40 e non, secondo il reclamante, raggrupparla in un unico simbolo (vignetta nr. 17 ). Reclamo, non accolto dalla direzione gara che ha scatenato le ire e gli insulti.

Certamente tutto legittimo; mentre non lo è stato insultare un membro dell'organizzazione che ha dedicato tempo e magari denaro per permettere ai 73 equipaggi iscritti di divertirsi e prendere parte ad una gara di campionato italiano. (Alleghiamo la foto della pagina del Road Book incriminato).

Ma gli incresciosi episodi del dopo gara sono stati solo la classica "ciliegina sulla torta".

Durante la lunga attesa per le classifiche definitive è trapelata infatti la notizia che qualcuno, nei giorni precedenti la gara, abbia chiesto la modifica della tabella tempi e distanze, minacciando la mancate presenza dell'intera scuderia.

Forse è stato questo secondo episodio, certamente più grave del primo a livello sportivo, ad incidere sullo stato d'animo dell'organizzatore.

Se confermato si tratterebbe di comportamento antisportivo che meriterà l'attenzione della federazione.

Non è pensabile che qualsiasi squadra, alla luce del numero dei propri iscritti possa “disegnare” una gara a proprio uso e consumo.

 

 

L'augurio è che Alfredo Lippi, a cui va tutta la nostra solidarietà e vicinanza, possa smaltire in pochi giorni l'amarezza accumulata in questo week end, mettendosi al lavoro per regalare ai regolaristi italiani una nuova edizione della sua splendida manifestazione.

 

---> LEGGI IL COMUNICATO STAMPA DELL'ORGANIZZAZIONE