News Regolink

GLI EQUIPAGGI ITALIANI NON SARANNO AMMESSI AL COSTA BRAVA !!


Stampa

 

 

 

 

 

 

 

Gli organizzatori del Costa Brava hanno ricevuto una “raccomandazione” dal Ministero della Salute Spagnolo che mira al contenimento dell'espansione del #coronavirus : lasciare a casa gli equipaggi italiani.

La voce, che negli ambienti del rallysmo storico ha cominciato a girare nella giornata di ieri, ha avuto purtroppo una triste conferma dopo la riunione tra gli organizzatori (era presente il presidente di RallyClassics Alex Romaní) e le istituzioni catalane ( Segretario Generale Sportivo della Generalitat) presso la sede della Generalitat de Catalunya.

Al termine dell'incontro è stato ribadito che, a seguito delle raccomandazioni della sanità pubblica e del "Consell Assessor del piano di protezione civile della Catalogna" (PROCICAT), di limitare la partecipazione al 68 Rally Costa Brava degli equipaggi che provengono da paesi che sono chiaramente considerati aree di rischio di trasmissione del virus, interessando così tutti i team italiani che hanno presentato la loro domanda di partecipazione.

Questa misura, si legge nel comunicato, è fondamentale per prevenire la diffusione del Coronavirus (COVID-19).

 

RallyClassics si rammarica dei disagi che questa misura, richiesta dalla situazione sanitaria, può causare alle squadre ai piloti e agli spettatori.

 

Va ricordato che gli equipaggi italiani al via della gara sono in tutto 16 con una trentina di meccanici che hanno ovviamente già sostenuto le spese per i voli, che non saranno rimborsabili, e degli alberghi.

Altra voce importante che si spera verrà rimborsata è quella dell' iscrizione.

 

Dal punto di vista sportivo resta l'incognita per la titolazione europea. La gara, in programma il 13 e 14 Marzo, è infatti valida per il Campionato Europeo Rally Storici ed impedire agli equipaggi italiani, da sempre protagonisti nella serie, di partecipare non può essere avvallata dalla FIA.

La Federazione Italiana Acisport, in queste ore, si è ha già attivata per tutelare i licenziati italiani sotto l'aspetto sportivo per evitare almeno questa beffa.

 

E tra un mese tocca alla Regolarità a media.....